Iscriviti

Greenpeace incorona Apple come azienda hi-tech più eco-friendly

Secondo il report “Clicking Clean: Who is Winning the Race to Build a Green Internet” pubblicato da Greepeace Usa, Apple sarebbe la società hi-tech più green del pianeta. Delude invece Amazon, il cui grave ritardo in materia è alquanto preoccupante.

Ambiente
Pubblicato il 13 gennaio 2017, alle ore 17:54

Mi piace
20
0
Greenpeace incorona Apple come azienda hi-tech più eco-friendly
Pubblicità

Per il terzo anno consecutivo, Apple continua a mantenere la propria posizione di leader tra le varie compagnie hi-tech operanti a livello globale. Tale piazzamento emerge dall’ultimo rapporto stilato da Greenpeace Usa intitolato “Clicking Clean: Who is Winning the Race to Build a Green Internet”.

Nel rapporto, la divisione statunitense dell’organizzazione non governativa analizza quella che è l’impronta energetica dei più grandi operatori di data center. Sotto la lente sono finiti oltre settanta tra siti web e popolari applicazioni.

I giudizi espressi da Greenpeace tengono conto di una serie di caratteristiche che riflettono l’attenzione posta alla riduzione dell’impatto ambientale. Il primo posto dell’azienda di Cupertino non è certo una sorpresa: da molti anni la Mela ricorre a forme di approvvigionamento energetico derivanti da fonti rinnovabili. L’obiettivo a breve termine è però quello di alimentare tutte le proprie attività globali attraverso energie pulite

Oltre a Apple, sul podio di questa speciale classifica rientrano anche Facebook e Google. Per Greenpeace tutti questi colossi hanno fatto segnare i maggiori passi in avanti nella transizione verso forme di approvvigionamento sostenibili e rinnovabili. In questo ambito, l’exploit maggiore lo fa però registrare Switch, società leader mondiale nel settore del data center

Delude invece la performance di Amazon. Per Luca Iacobini, responsabile campagna Clima ed Energia di Greenpeace Italia, “nonostante gli annunci in fatto di rinnovabili, Amazon continua a mantenere i suoi clienti all’oscuro sulle proprie decisioni energetiche”. Tutto ciò è alquanto preoccupante in quanto “l’azienda sta allargando le proprie attività in aree geografiche in cui sono utilizzate prevalentemente energie sporche“.

Anche Netflix e Samsung non possono certo sorridere. Per Greenpeace Usa, entrambe le realtà sarebbero ancora lontane dal raggiungimento dell’obiettivo di alimentarsi con fonti energetiche completamente rinnovabili. Netflix proprio lo scorso anno aveva annunciato l’intenzione di ridurre le proprie emissioni di CO2, ma stando al contenuto del rapporto, l’azienda ha badato solamente ad acquistare crediti di compensazione delle emissioni, non incrementando gli investimenti nelle energie rinnovabili.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Antonio Sorice - Dal rapporto stilato da Greenpeace USA si può ricavare come Apple sia un punto di riferimento mondiale non solo nel suo core business, ma anche per l’attenzione rivolta all’ambiente. In questo dovrebbe diventare d’esempio per i suoi concorrenti e non solo. Un simile riconoscimento ottenuto per il terzo anno di fila deve però essere uno stimolo per continuare a migliorare. Dall’altro canto anche i consumatori finali dovrebbero porre maggiore attenzione sulle proprie scelte di acquisto, premiando quelle società che vendono prodotti rispettando le sempre più stringenti norme ambientali.

Lascia un tuo commento
Commenti
Antonio Amadeo

05 febbraio 2017 - 10:09:06

Molto interessante

0
Rispondi